2021-06-03

Zhabinka è una città satellite di Brest con 13 mila abitanti. Pochi si aspettavano che gli abitanti di questa tranquilla cittadina avrebbero sostenuto la protesta. Ma stanno protestando da agosto 2020 e non hanno ceduto fino ad oggi.

Henadz Shutau, nativo di Zhabinka, è stato ucciso da agenti delle forze dell’ordine con l’arma di servizio durante le proteste pacifiche.

Non molto tempo fa, gli attivisti hanno buttato nella spazzatura i ritratti di Lukashenko, alcuni dei quali erano macchiati di feci. Dopodiché, a Zhabinka si è svolta una vera e propria operazione speciale, con arresti e perquisizioni. Le auto della polizia girano costantemente per la città. Allo stesso tempo, le autorità fanno di tutto per impedire alle persone di radunarsi e unirsi: le panchine della piazza principale sono state rimosse, gli stand per gli annunci sono stati rimossi in tutta la città, perché lì venivano costantemente affissi volantini di protesta.

«Oggi Zhabinka assomiglia a una città occupata», dicono i residenti della città, ma sono orgogliosi di se stessi e non si arrendono.