Pubblicato il: 2022-04-24 Posted by: Voice of Belarus Media Comments: 0

Russi, bielorussi e ucraini sono un unico popolo?

Il giornalista, storico e scrittore bielorusso Sergei Ablameika ha pubblicato una lettera aperta al famoso autore di prosa storica Boris Akunin in relazione alla sua dichiarazione che russi, bielorussi e ucraini sono un unico popolo. Questa idea è stata espressa dallo scrittore di lingua russa, originario della Georgia, in un’intervista con il popolare blogger di YouTube Yuri Dud.

L’opinione di Akunin secondo cui “noi [russi, bielorussi, ucraini] eravamo tutti uguali… e molto simili fra gli stessi” è condivisa da molti, non solo in Russia, ma anche in Occidente, per cui si ritiene necessario esporre qui in breve i pensieri principali della lettera di Ablameika.

Il mito del popolo russo trino è stato inventato dalla scienza storica russa, che è impegnata nel servizio ideologico del potere, ignorando il quadro teorico e la metodologia che dovrebbe guidare una scienza esatta come la storia.

La tesi secondo cui un tempo esisteva un’unica lingua “russa”, che poi si è divisa in tre lingue slave orientali, è stata confutata da Yuri Shevelev, un classico della linguistica slava dell’Università di Harvard, già negli anni ’50, quando ha dimostrato che gli slavi orientali non hanno mai avuto una unica etnia e che le loro lingue sono sempre state differenti. Per esempio, le caratteristiche fonologiche delle lingue bielorussa e ucraina si sono formate già nel VII secolo d.C., molto prima della comparsa di ciò che precede l’attuale lingua russa.

C’è un’enorme confusione intorno alle parole Rus e Russo che viene utilizzata dai creatori dei miti su cui si basa la coscienza storica russa. Nei secoli XIV-XVI, la parola “russkiy” fu usata dai bielorussi per chiamare la loro lingua, che oggi gli studiosi conoscono come bielorusso antico. Nel 1517, la Bibbia bielorussa fu stampata in questa lingua e nel XVI secolo furono pubblicati tre Statuti del Granducato di Lituania (GDL), la prima serie di leggi costituzionali in Europa. Le identità bielorusse e ucraine si sono formate nello spazio del GDL nel XIV e XVI secolo.

Il “russo”, che era la lingua ufficiale del GDL, non aveva alcuna relazione con la lingua parlata nel Regno di Mosca, così come gli antenati dei russi non avevano alcuna relazione con la Battaglia di Grunwald (1410): i reggimenti “russi” che vi parteciparono non erano altro che le formazioni bielorusse e ucraine con la loro cultura, i loro stendardi e le loro tradizioni cavalleresche.

Dopo la prima spartizione della Rzecz Pospolita nel 1772, quando la parte orientale della Bielorussia fu conquistata dall’Impero russo, iniziò la distruzione della Chiesa Uniate bielorussa, di cui faceva parte l’80% della popolazione e che svolgeva le sue funzioni in lingua bielorussa. Questo significava sparare in massa ai contadini che rifiutavano di convertirsi all’ortodossia, picchiare a morte con la betulla e così via. Per i successivi 100 anni, la repressione non cessò.

All’inizio del ХІХ secolo, i bielorussi e gli ucraini ebbero i loro movimenti di liberazione nazionale. Ma la scienza storica russa non riconosce l’evoluzione nazionale che si stava verificando nel XIX secolo negli abitanti dell’ex GDL. Piuttosto identifica un “intrigo polacco”. Poi ci fu la rivolta del 1863-1864, che la Russia chiama polacca, anche se il suo leader Kastus Kalinowski, che creò un governo provvisorio di Lituania e Bielorussia, emise documenti di Stato in lingua bielorussa. La rivolta fu brutalmente repressa, Kalinowsky e decine di suoi compagni d’armi furono giustiziati e centinaia di bielorussi attivi furono esiliati in Siberia. Le repressioni e le deportazioni continuarono negli anni ’70 e ’80 del XIX secolo. Contemporaneamente, la Bielorussia è stata colonizzata da nuovi funzionari russi di tutti i livelli, insegnanti, poliziotti, militari e sacerdoti.

Processi simili hanno avuto luogo in Ucraina nel XIX e all’inizio del XX secolo. Ma gli ideologi russi contemporanei ignorano completamente questi fatti, così come ignorano il fenomeno moderno delle nazioni, commettendo un errore scientifico e politico fatale.

Le Repubbliche popolari bielorussa e ucraina, istituite dopo la Prima guerra mondiale, persero le loro guerre di indipendenza contro la Russia bolscevica, che continuò le repressioni contro i bielorussi e gli ucraini, iniziate sotto gli zar.

Solo nel 1921, quasi 1.500 ‘nazionalisti’ bielorussi furono repressi. Anche durante il periodo di bielorusso (1923-1929), quando la lingua bielorussa tornò nelle scuole e nelle università, la repressione e le espulsioni continuarono, e dal 1930 divennero diffuse e non cessarono fino allo scoppio della guerra. Quasi tutti i membri dell’Unione degli Scrittori della BSSR furono deportati, la maggior parte fu fucilata; lo stesso destino attendeva migliaia di scienziati, insegnanti, giornalisti e dipendenti pubblici bielorussi.

Quando scoppiò la Seconda guerra mondiale e le figure bielorusse dell’emigrazione tornarono a Minsk, i passanti per strada si allontanarono da loro, sentendo la lingua bielorussa. Dopo le repressioni degli anni ’30, le persone avevano paura di pronunciare anche solo una parola in bielorusso. I tedeschi ne hanno approfittato. Hanno aperto più di 3.500 scuole bielorusse in Bielorussia e hanno permesso la creazione di organizzazioni pubbliche bielorusse, la stampa di giornali, l’apertura di scuole e università. Ma i partigiani sovietici, seguendo gli ordini di Mosca, incendiarono le scuole bielorusse e uccisero gli insegnanti. Dopo la guerra, le deportazioni e le espulsioni continuarono… Nel 1945-1950, circa 1 milione di giovani uomini e donne furono espulsi dalla Bielorussia.

Le perdite della cultura bielorussa dovute all’appartenenza all’Impero russo e all’URSS sono enormi: nel XVIII e XIX secolo, innumerevoli collezioni di opere d’arte e di libri furono portate in Russia; un numero inimmaginabile di dipinti, sculture e libri antichi stampati furono bruciati; negli anni ’20 e ’30, furono bruciate le opere di poeti, scrittori e compositori bielorussi. Negli anni ’20 e ’50, i documenti d’archivio sono stati distrutti. I centri storici di Kiev e Minsk, distrutti durante la Seconda guerra mondiale, non furono ricostruiti, ma il restauro di 15 antiche città russe fu specificamente approvato da un decreto del Consiglio dei commissari del popolo dell’URSS già nel novembre 1945.

L’eminente storico francese Alain Besançon scrisse: “Le autorità sovietiche lanciarono un attacco alla lingua ucraina… Riuscirono a russificare Kiev, Kharkov (la prova di ciò è che io stesso presento l’ortografia russa di questi nomi propri) e altre grandi città — sia attraverso l’immigrazione di russi in Ucraina, sia costringendo gli ucraini a usare solo il russo nelle attività scientifiche e tecniche, in varie sfere pubbliche della vita”.

Se sostituiamo la parola “ucraino” con “bielorusso”, otteniamo una descrizione accurata di ciò che la Russia ha fatto alla lingua bielorussa. Negli anni ’60, non c’erano più scuole e università in lingua bielorussa nelle città bielorusse — tutte le città sono diventate russofone. E così siamo diventati “in generale, molto simili tra loro”.

I nostri popoli non hanno mai sopportato questa situazione. Il movimento per la protezione delle lingue bielorussa e ucraina e, di conseguenza, la repressione dei loro difensori non cessarono per tutta l’esistenza dell’Unione Sovietica. Solo allora, gli ucraini di lingua ucraina e i bielorussi di lingua bielorussa erano chiamati nazionalisti, ma oggi sono chiamati “nazisti”.

I russi pensano che se le persone a Kiev e Minsk parlano russo, “si diventa un unico popolo”. Non vogliono sapere che la russofonia degli ucraini e dei bielorussi non è una conferma della loro russità, ma è il risultato di secoli di repressione e di una politica di soffocamento nazionale della Bielorussia e dell’Ucraina. E priva la Russia della speranza di purificazione attraverso il pentimento e di una prospettiva storica.

Nonostante il fatto che la lingua bielorussa sia stata distrutta di proposito per più di duecento anni e che ora, secondo la classificazione delle Nazioni Unite, sia in pericolo di estinzione, è viva e questo testimonia il grande mistero e il potere patriotico in un uomo.

Affermare oggi di “essere un solo popolo” non solo significa ignorare i fatti storici, ma anche assecondare il macabro massacro scatenato dalla Russia in Europa. L’imperialismo russo nasce dalle idee del “popolo russo trino”. Quando la guerra sarà finita e la Russia abbandonerà le sue pretese imperiali sulla Bielorussia e sull’Ucraina, dovrà concentrarsi sui suoi problemi interni e sullo sviluppo nazionale. E l’intellighenzia russa dovrebbe incoraggiare la Russia del dopoguerra a criminalizzare la negazione dell’esistenza delle nazioni ucraina e bielorussa. Perché è da queste idee che cresce il fascismo russo.

Categories: