Pubblicato il: 2022-05-12 Posted by: Voice of Belarus Media Comments: 0

Storie di volontari bielorussi in Ucraina

Centinaia di bielorussi, che si sono trasferiti in Ucraina per sfuggire alla repressione politica in Bielorussia, hanno deciso di rimanere in Ucraina dopo l’inizio della guerra e di aiutare: alcuni come volontari, altri nell’esercito e al fronte. MOST ha parlato con diversi volontari.

Olga (nome di fantasia) con il marito, la figlia piccola e la madre di 68 anni si è trasferita da Minsk a Kiev nel 2020. Quando iniziò la guerra, la famiglia aveva la possibilità di evacuare, ma decise per principio di non farlo e di rimanere ad aiutare le persone che li avevano accolti nel loro paese. All’inizio, Olga e sua madre hanno aiutato a costruire barricate attaccando sacchi di sabbia. Ora stanno aiutando in cucina per i soldati volontari. Lei crede che tutto andrà bene: “Voglio davvero che l’Ucraina ce la faccia”.

Dal 24 febbraio, gli attivisti del movimento antifascista hanno organizzato un’iniziativa chiamata “Operazione Soldato” per raccogliere aiuti umanitari e fondi per i guerrieri e i rifugiati. Ora hanno un magazzino a Kiev gestito da Igor, uno specialista IT di 38 anni proveniente dalla Belarus. È arrivato a Kiev nel novembre 2020. Non ha voluto lasciare l’Ucraina dopo l’inizio della guerra e ha deciso di aiutare in ogni modo possibile. Ha detto di aver capito che l’Ucraina avrebbe reagito e che aveva la possibilità di vincere. Già prima dell’inizio della guerra, discuteva con gli amici su chi avrebbe fatto cosa se la guerra fosse iniziata. “Abbiamo iniziato a costruire un piano, così quando la guerra è iniziata, avevamo già una comprensione di chi stava facendo cosa, avevamo stabilito legami con le strutture antifasciste europee”, osserva Igor.

Oksana, bielorussa, si è trasferita a Kiev nell’aprile 2021. Viveva a Kharkiv con il marito ucraino da diversi mesi prima dell’inizio della guerra. Si trovava a Vilnius quando è iniziata la guerra, ma a marzo Oksana è tornata in Ucraina perché “non poteva essere una spettatrice”. Si recò a Lviv per aiutare i rifugiati. “Quando ho visto queste persone con i miei occhi, ho provato un grande dolore per loro, per i bambini e per gli animali. Ho fatto volontariato quasi ogni giorno, per circa 4-5 ore”, dice Oksana. All’inizio di aprile è tornata a Kharkiv, dove ora vive in un rifugio antiatomico. Lì aiuta a cucinare e a pulire, e si occupa anche di tagli di capelli.

Dalle proteste del 2020, l’Ucraina è diventata per molti bielorussi il paese in cui sono fuggite le vittime del regime di Lukashenko. È impossibile stabilire il numero esatto di bielorussi che si sono trasferiti in Ucraina, in quanto i bielorussi possono rimanere in Ucraina per 180 giorni senza legalizzazione. Secondo il Servizio di guardia di frontiera ucraino, solo da agosto 2020 ad agosto 2021, 100.000 bielorussi hanno attraversato il confine con l’Ucraina.

Categories: