2022-05-27
Хороводы на протестах в Бресте. Фото: belsat.eu

Il 13 settembre 2020, a Brest, in una delle città più grandi della Belarus, c’è stata una Marcia degli Eroi per protestare contro le elezioni truccate. Durante questa marcia, più di mille persone hanno ascoltato musica, cantato canzoni, ballato, — il tutto sembrava un festival. Qualche istante dopo, sono arrivate le forze dell’ordine e hanno iniziato a disperdere aggressivamente i partecipanti con cannoni ad acqua. Da allora, i residenti di Brest si riferiscono a questa mossa poliziesca come “waterboarding”. Il relativo processo penale successivamente avviato è diventato noto come “roundhouse”. I processi sono tuttora in corso. Le persone vengono processate in gruppo, con l’accusa di grave violazione dell’ordine pubblico.

Gli attivisti per i diritti umani lo definiscono uno dei processi più massicci politicamente motivati nella storia della Belarus. Oramai sono stati emessi 129 verdetti relativamente al “caso della danza in cerchio”. In totale, i condannati nel caso hanno ricevuto 125 anni di reclusione “in casa”, più di 90 anni di “reclusione in posti sorvegliati” e circa 14 anni nella colonia penale. Alcuni dei condannati hanno già scontato la loro pena e sono stati rilasciati. Alcuni detenuti sono riusciti a fuggire all’estero.

L’ultimo processo si è svolto il 17 maggio 2022. Fu l’udienza più veloce dei manifestanti di Brest, che non durò più di un’ora. Andrei Vlasov e Yulia Suvalko sono stati condannati a 3 anni di “reclusione in casa”.

Si è anche saputo che due imputati nel processo sensazionale di Autukhovich, secondo il quale 12 persone sono accusate di incendio doloso e preparazione di attacchi terroristici, figurano anche nel caso di “roundhouse”. Si tratta di Irina Melcher e di suo figlio Anton.

Una delle persone condannate in precedenza, la prigioniera politica Iulia Laptanovich, sarà processata di nuovo. Secondo le indagini, ha ricevuto dei soldi in quanto era coinvolta nella persecuzione criminale della sua famiglia. Le è stato inviato del denaro sulla carta, che Iulia ha consegnato alle vittime della repressione. Rischia fino a sette anni di carcere. Suo marito Igor è in prigione da oltre un anno. Hanno tre figli che li aspettano in libertà.