2022-03-11
Trasporto di carri armati russi attraverso la Bielorussia. Immagine: svaboda.org

Secondo il Centro per i Diritti Umani ”Viasna”, otto persone sono state arrestate in Bielorussia con il sospetto di sabotaggio sulla ferrovia bielorussa dopo l’inizio della guerra in Ucraina. I ferrovieri hanno detto che a causa del sabotaggio (“guerra ferroviaria”), i treni che trasportavano equipaggiamento militare russo e munizioni hanno smesso di muoversi attraverso la Bielorussia. I detenuti rischiano fino a 15 anni di carcere per preparazione di un atto di terrorismo.

Il 6 marzo Sergei Konovalov, un impiegato delle ferrovie bielorusse, è stato arrestato a Vitsebsk. Secondo il Ministero degli Interni, aveva progettato di disattivare i sistemi di sicurezza del traffico ferroviario. Secondo la comunità ferroviaria, poco prima della detenzione l’uomo ebbe un conflitto con l’ideologo ed ex capo della polizia dei trasporti Glyachkov V. A. Dopo questo conflitto Glyachkov informò il GUBOPiK e il KGB del presunto sabotaggio pianificato da Konovalov, dopo di che fu detenuto senza alcun motivo reale. È stato aperto un procedimento penale contro Konovalov per preparazione di un atto di terrorismo.

A Svetlogorsk è stato bruciato un armadio di un impianto di segnalazione sulla ferrovia. Secondo il Ministero degli Interni è stato commesso da tre residenti di Svetlogorsk. È stato aperto un procedimento penale contro di loro per aver commesso un atto di terrorismo.

Dopo il 2 marzo sono iniziate le perquisizioni a Svetlogorsk in relazione all’incendio di un relè per la segnalazione, centralizzazione e interblocco sulla linea Ostankovichi-Zherd. Questa linea ferroviaria va a Ovruch, nella regione di Zhytomyr in Ucraina. I coniugi Dmytro e Natalya Ravych, il fratello di Natalya, Denys Dikun, e la sua fidanzata Alisa Malanova sono stati arrestati perché sospettati del caso. Un video “di pentimento” di Dzianis, che sembra gravemente picchiato, è apparso nei canali televisivi filogovernativi.

Il 2 marzo, il residente del posto Aliaksei Shyshkovets, 43 anni, è stato arrestato ad Asipovichy. Secondo il Ministero degli Interni, l’uomo si è unito alla “formazione estremista” BYPOL e ha autorizzato nella loro chat-bot ad eseguire istruzioni per la preparazione di sabotaggi sulla ferrovia. È stato aperto un procedimento penale contro Aliaksei per aver partecipato ad una formazione estremista con lo scopo di commettere crimini.

Secondo il Ministero degli Interni, due residenti locali sono stati arrestati a Stolbtsy la notte tra l’1 e il 2 marzo. L’organizzazione per i diritti umani “Viasna” ha appreso che si tratta dei coniugi Siarhei e Katerina Glebko. Nel video “di pentimento” l’uomo confessa di aver messo due tronchi sui binari della ferrovia e di avergli dato fuoco. Nello stesso video Siarhei sembra picchiato.

Il “guerrigliero ferroviario” è stato arrestato a Zhodzina il 2 marzo, ma i dettagli del suo caso non sono ancora noti.