La Commissione Helsinki degli Stati Uniti ha tenuto audizioni sulla Bielorussia

Alla Commissione Helsinki del Congresso degli Stati Uniti si è tenuta un’audizione sulla questione bielorussa intitolata «Alla ricerca della giustizia e della libertà in Belarus».

La sorella di Maria Kolesnikova – rappresentante del Consiglio di coordinamento sui prigionieri politici – Tatsiana Khomich, Siarhei Kharytonau, l’analista di iSANS, e anche il rappresentante di Tikhanovskaya sulle questioni legali Siarhei Zikratski, hanno parlato da parte delle forze democratiche della Bielorussia. 

Gli oratori hanno presentato informazioni sulla persecuzione da parte delle autorità dei manifestanti, sulla situazione dei prigionieri e sui loro maltrattamenti, sulla violazione dei diritti alla difesa e sulle molestie degli avvocati, così come sull’inasprimento della legislazione. Alla Commissione è stato presentato un rapporto sull’uso di «incitamento all’odio» da parte dei media statali, appelli alle rappresaglie fisiche contro gli oppositori. Gli esperti sottolineano che attualmente i media statali bielorussi stanno trasmettendo l’agenda del Cremlino, promuovendo le idee del cosiddetto «mondo russo». Sono state fatte raccomandazioni affinché le piattaforme Google e YouTube non facessero tendenza alla propaganda del regime e potessero bloccare i canali del regime per incitamento all’odio e alla violenza. Le audizioni hanno anche sollevato la questione della crisi migratoria e del sostegno della Russia ad Aleksandr Lukashenko.

Come ha affermato l’ex vicesegretario di Stato americano David Kramer durante il suo discorso, la situazione in Bielorussia è una sorta di banco di prova per l’intero mondo democratico. David Kremer ha chiesto nuove sanzioni contro i «portafogli del regime bielorusso» nei paesi del Golfo. Secondo lui, i partner degli Stati Uniti in questa regione devono affrontare una scelta: o commerciare con gli Stati Uniti o commerciare con il regime di Aleksandr Lukashenko. La proposta di Kremer è collegata alle informazioni a disposizione delle autorità americane secondo cui la famiglia Lukashenko detiene il reddito ottenuto dalla corruzione negli Emirati Arabi Uniti.

Le relazioni e le argomentazioni degli esperti possono diventare un’ulteriore base per nuove decisioni sulle sanzioni statunitensi.

Back to top button