2022-03-08
Centro per i rifugiati a Przemyśl.

Il giornalista e musicista bielorusso Igor Polynski parla nella sua rubrica MOST del suo viaggio di volontariato al confine ucraino-polacco.

Già nei primi giorni della guerra si organizzavano aiuti volontari per i rifugiati ucraini al confine ucraino-polacco. Igor e i suoi amici hanno comprato le cose necessarie: cibo, bevande e prodotti per l’igiene. Il giornalista è andato dove pensava che la gente avrebbe avuto bisogno del suo aiuto. Prima ha guidato da Bialystok verso il villaggio polacco di Medyka, che è il punto di passaggio di confine più trafficato attraverso il quale gli ucraini entrano in Polonia in auto, autobus e a piedi.

Igor guidò fino a Przemysl, la città di confine più vicina, e decise di fermarsi lì per la notte. C’erano anche molti bielorussi nella fila dei rifugiati dall’Ucraina. Erano coloro che sono stati costretti a fuggire dalla persecuzione politica in Bielorussia. Ora sono costretti a fuggire dall’Ucraina, dalla guerra iniziata da Putin.

I servizi polacchi locali organizzarono il trasporto gratuito per i rifugiati da Medyka a Przemyśl. E a Przemyśl è stato allestito un vero e proprio campo profughi in un parcheggio vicino ad un negozio. Il lavoro nel campo è molto ben coordinato. La gente porta molte cose necessarie: vestiti, cibo, bevande, giocattoli per i bambini. I volontari aiutano a scaricare e smistare le cose. C’è una tenda separata con cavi per caricare i telefoni, una tenda con bevande calde. Circa ogni venti minuti arrivano autobus dal confine. Si avvicinano persone con cartelli con scritto “Varsavia”, “Germania”, “Repubblica Ceca”, “Lituania”. I volontari aiutano i rifugiati a trovare il trasporto nel posto giusto.

Igor trovò dei passeggeri che volevano raggiungere la città di Chełm: una madre, due figlie adulte e una bambina di circa sei anni. La famiglia veniva da Kiev. Hanno parlato del loro viaggio in Polonia. Igor chiese come percepivano i bielorussi ora. “Vi stavamo guardando e simpatizzando nel 2020. Non è colpa vostra, cosa si può fare a mani nude a Lukashenko?” Non hanno nemmeno odio per i russi comuni: “Putin non è la Russia e Lukashenko non è la Bielorussia”. Hanno ringraziato tutti coloro che scendono in strada per esprimere la loro solidarietà con l’Ucraina.

Anche il volontariato è molto ben radicato a Chełm. Un treno di evacuazione da Lviv arriva ogni poche ore. A differenza di Przemysl, molte persone venivano incontrate a Chełm dai loro parenti o conoscenti. Chi voleva andare a Varsavia veniva trasferito su un treno diretto gratuito. Tra i rifugiati c’erano soprattutto donne con bambini piccoli.