2021-06-14
I condannati alla libertà vigilata dalle 6:00 alle 22:00 non possono sdraiarsi, solo sedersi su uno sgabello.

Molti prigionieri politici (15–20%) sono ora condannati alla libertà vigilata in un istituto di riabilitazione sociale. Uno dei prigionieri politici ha parlato della realtà della vita in libertà vigilata in un tale istituto.

I condannati vivono in edifici simili ai dormitori (l’alloggio è a pagamento), sono sotto supervisione e sono obbligati a seguire i regolamenti interni, lavorare in una determinata impresa – di regola, si tratta di una produzione difficile e dannosa. Le persone sono costrette a lavorare 12 ore 6 giorni alla settimana per un salario più basso rispetto agli operai ordinari. Non possono licenziarsi.

I prigionieri politici, indipendentemente dal loro comportamento, vengono inseriti in un registro preventivo come inclini all’estremismo e ad altre attività distruttive e ricevono targhette gialle. Le persone con targhette gialle sono obbligate a presentarsi all’ufficio del comandante ogni ora, mentre devono dire il proprio cognome e pronunciare ad alta voce che sono inclini all’estremismo e ad azioni distruttive. Non possono nemmeno uscire per prendere le medicine senza essere accompagnati dal personale. L’amministrazione usa questa norma per esercitare ulteriore pressione sui prigionieri politici.