2022-04-12
Lavon Volski. Foto: colors.by

Il musicista, artista e scrittore di prosa bielorussa Lyavon Volsky ha riassunto le differenze tra “Belarus” e “Bielorussia”.

La Bielorussia è permanentemente impressa nel cervello di coloro che per varie circostanze non sono riusciti a sfuggire al contagio sovietico. Queste persone percepiscono il mondo alla rovescia: il loro nero è bianco, il loro male è buono, l’annientamento di massa di persone è un’operazione di liberazione, l’autoidentificazione nazionale è nazismo e il fascismo di stato è ordine e stabilità. Non ci sono molte di queste persone in percentuale. Ma se vuoi fare carriera in Bielorussia (essere un deputato, un funzionario, un giornalista di un periodico statale, un leader giovanile, un diplomatico o un membro delle strutture di potere), devi passare attraverso un’iniezione della Bielorussia. Se non sei un membro dell’Unione degli Scrittori filogovernativa, non sei uno scrittore; se parli contro il fatto che le autorità bielorusse hanno rotto braccia, gambe e vite di persone, non sei un medico. E così via secondo questo schema. Queste persone sono al potere, modellano la politica interna ed esterna, l’immagine internazionale del paese. Sono sempre con la Russia. La Bielorussia non può stare senza la Russia.

La Bielorussia ha violentato, ucciso e deriso i bielorussi, sostenendo che “è per il loro bene”. La Bielorussia fa atterrare un aereo straniero e dice: così bisognava fare. Anche se le persone normali capiscono perfettamente cosa è successo e come è successo. La Bielorussia avvia provocazioni alle frontiere, manda migranti in massa a queste frontiere e poi chiede cinicamente: perché non fai entrare questa povera gente, tu, maledetto Occidente collettivo?

La Bielorussia insulta regolarmente i leader dei paesi vicini e del mondo occidentale ed è complice della guerra russa: permette alle truppe degli aggressori di entrare nel suo territorio, approva lanci di missili e sortite di aerei dal territorio della Bielorussia e apre le sue frontiere al passaggio di equipaggiamento nemico in Ucraina. La Bielorussia fornisce una ferrovia per trasportare le armi russe e in risposta la Belarus inizia una guerra ferroviaria contro le attrezzature del nemico. Ma gli orchi della Bielorussia sorvegliano le rotaie e ci sono perdite tra i partigiani bielorussi

E quando la Bielorussia in cambio riceve un altro pacchetto di sanzioni, fa una faccia offesa e dice: allora è così che siete! Ora basta, non siamo più vostri amici! Voi siete vili e spregevoli, solo io, Bielorussia, sono onesta e gentile, e anche la mia sorella maggiore (Russia).

Al momento la Belarus è occupata dalla Bielorussia, e dietro la Bielorussia vediamo il fantasma della BSSR.