2021-11-02
Yegor Martinovich

Il servizio russo della BBC, attraverso una catena di intermediari, è stato in grado di intervistare al caporedattore di Nasha Niva, Yegor Martinovich, che è in prigione. Le organizzazioni per i diritti umani lo hanno riconosciuto come prigioniero politico.

Yegor Martinovich è stato arrestato per la prima volta all’inizio delle proteste di massa in Bielorussia, la notte dell’11 agosto 2020, quando stava tornando a casa dopo la manifestazione che ha ripreso da giornalista. È stato trattenuto in custodia per diversi giorni senza accuse o addirittura senza aver stilato dei documenti. Il 13 agosto è stato rilasciato.

Il 20 agosto 2020, il giornale più antico in Bielorussia è stato bloccato con una decisione delle autorità, ma la redazione è riuscita a far annullare questo verdetto. Quasi un anno dopo, l’8 luglio 2021, Martinovich e altri tre dipendenti sono stati detenuti dai funzionari della sicurezza (il capo del dipartimento di marketing Andrei Skurko rimane tuttora in custodia). In un primo momento sono stati accusati di organizzare proteste illegali e il sito di Nasha Niva è stato nuovamente bloccato.

“Dopo che le autorità hanno distrutto TUT.by, il più grande media online del paese, è diventato chiaro che sarebbero venuti a prendere tutti”, commenta Yegor Martinovich. – Se vi erano dei segnali che avrebbero colpito specificamente noi? No, è solo che tutto intorno veniva distrutto. Ma abbiamo continuato a lavorare legalmente. E in vista di ciò, di cosa avremmo dovuto temere nel nostro paese?”

Di conseguenza, Yegor Martinovich è stato accusato non per motivi politici, ma per motivi economici in quanto ”ha causato danni alla proprietà”. Non c’è stato nemmeno un tentativo di rendere plausibile l’accusa.

“Sono bloccato per vendetta a causa delle mie attività professionali”, dice Yegor. – La cosa più difficile è capire che stai perdendo tempo che potrebbe essere stato speso a beneficio. Ed è dura rendersi conto che questa situazione sta esaurendo i miei parenti”.

Martinovich afferma che Nasha Niva ha operato legalmente e rispettando le leggi. ”Il nostro compito – l’esistenza di un quotidiano in lingua bielorussa – è più importante di qualsiasi rischio. Nasha Niva ha sempre avuto problemi con la pubblicazione e distribuzione: siamo stati buttati fuori dai chioschi con i quotidiani, alle tipografie è stato vietato di stampare i nostri giornali. Ed è per questo che abbiamo sviluppato il sito. Ecco perché i media indipendenti sono molto più forti dei media online filogovernativi. Le autorità semplicemente non sanno come lavorare su Internet”.

Ora il caporedattore di Nasha Niva continua a rimanere in un centro di detenzione preventiva in via Volodarsky a Minsk. Nel suo ultimo breve messaggio, ha detto che lui e altre 19 persone sono ora detenute in un seminterrato senza finestre e dove c’è solo una piccola apertura sotto il soffitto per la ventilazione. Martinovich ha scritto che sta soffocando e non è ancora in grado di rispondere alle lettere.