2021-06-13
Anatol Liabedzka.

Il politico è stato arrestato il 14 maggio, quando è venuto a sostenere gli imputati nella causa degli studenti, ed è stato condannato a 30 giorni di arresto. Oggi Anatol avrebbe dovuto essere rilasciato, ma a sua moglie è stato detto che non era nel centro di detenzione preventiva, poiché era già in libertà. Più tardi è stato noto che Liabedzka è stato portato segretamente fuori dal centro di detenzione di Okrestina e lasciato alla periferia di Minsk. È tornato a casa in taxi.

Anatol Liabedzka ha condiviso con NN.BY le proprie impressioni sul suo soggiorno nel centro di detenzione preventiva.

«Sarebbe molto bello se coloro che fanno dichiarazioni politiche a nome della Bielorussia potessero semplicemente visitare i centri di detenzione preventiva di oggi. Sarebbe molto interessante, perché quello che sta accadendo ora è una violazione quotidiana della Costituzione attuale. Questa è una tortura assoluta delle persone, se ci basiamo sugli standard internazionali e sulla Costituzione. È lì che le persone sono più a disagio e in pericolo oggi. Non può nemmeno essere paragonato alle prigioni bielorusse. È molto più facile per coloro che hanno avuto un procedimento penale», ha affermato il politico.

Anatol ha parlato delle condizioni nel centro di detenzione preventiva: «Ora ci sono 15–19 persone nelle celle a due o quattro letti. C’erano solo 4–5 giorni in cui c’era l’acqua calda. Le persone vengono sistemate nelle celle dove manca l’aria, perché è tutto chiuso. Per due giorni sono stato in cella di punizione, non so nemmeno perché, lì nessuno spiega niente a nessuno. Non ci sono cuscini, né federe, né materassi, niente».