2021-06-10
Il processo contro i volontari della sede elettorale di Babaryka.

Oggi i volontari della sede elettorale dell’ex candidato alle presidenziali Viktar Babaryka, i prigionieri politici Ihar Yarmolau, Mikalay Saseu, Uladzislau Karetski e Dzmitry Kanapelka, hanno ricevuto cinque anni in un carcere di massima sicurezza. Sono stati accusati di preparare rivolte e istruire o preparare in altro modo le persone a partecipare alle rivolte, sulla base del fatto che avevano acquistato diverse dozzine di puntatori laser e due martelli da meccanico.

Durante l’arresto di uno dei detenuti, Ihar Yarmolau, il 12 agosto 2020 a casa sua, gli agenti di polizia gli hanno rotto le costole, gli è stato diagnosticato uno pneumotorace, commozione cerebrale, contusioni multiple al torace e alla testa. Successivamente, ha trascorso una settimana nell’ospedale del Ministero degli affari interni. Dopo il verdetto, Yarmolau ha gridato: «Ci vediamo al nuovo processo! Risponderete di tutto!» e ha letto, da dentro la gabbia, un estratto dal poema del famoso autore bielorusso Uladzimir Karatkevich intitolato «Pauluk Bagrym» con un appello alla libertà.