2022-03-09
Centro d’isolamento ad Okrestina.

Più di 800 persone sono state arrestate in Bielorussia il 27 febbraio 2022 per aver partecipato ad azioni contro la guerra. La maggior parte di loro sono stati condannati a 15 giorni.

Un residente di Minsk è stato messo in custodia anche prima del referendum. Ha raccontato a Svoboda ciò che ha visto in questi giorni nel centro di detenzione.

Anton (nome di fantasia) è stato arrestato il 17 febbraio per aver introdotto ”l’estremismo” nelle reti sociali. I programmatori che sono stati detenuti preventivamente ancor prima del referendum, presumibilmente per “condotta disordinata”, erano in cella con lui. Sono stati detenuti seguendo lo stesso schema: sono stati invitati ad un “colloquio” con l’ufficiale di polizia distrettuale, dove è stato redatto un resoconto per “condotta disordinata” e sono stati mandati in una cella d’isolamento. Da 10 a 16 persone venivano tenute in una cella progettata per quattro, sono stati portati via materassi e lenzuola e di notte i detenuti venivano svegliati per l’appello.

Il 27 febbraio, quando in tutta la Bielorussia si svolgevano proteste di massa contro la guerra in Ucraina, molte persone furono portate al centro di detenzione. Quel giorno i politi poliziotti erano spariti, sostituiti dalla polizia antisommossa. ”Dal corridoio potevo sentire urla terribili, suoni di percosse. La gente veniva picchiata per essersi messa in piedi “in modo sbagliato”. Venti persone sono state messe in celle da quattro,” — dice Anton. Un uomo gravemente picchiato è finito nella cella di Anton. È stato ”punito” da GUBOPIK per aver rifiutato di riprendere un video “di pentimento”.