2021-06-07
Dzmitry Kulakoгski con sua moglie.

Dzmitry Kulakouski ha lavorato nella polizia dal 2006, a capo del dipartimento di indagine penale presso la direzione degli affari interni del distretto Zavodskoy a Minsk. Dopo le elezioni del 2020, ha dichiarato di non essere d’accordo con le azioni delle autorità e si è dimesso.

Nell’ottobre 2020 è stato arrestato per un caso amministrativo; ha trascorso quasi un mese in isolamento in via Okrestsina, dove è stato trattato in modo tale da dover ingoiare oggetti di metallo per protesta.

Successivamente è stato condannato in un procedimento penale per aver insultato un funzionario del governo. Kulakovsky non si è dichiarato colpevole, sostenendo che le prove contro di lui erano state inventate. Al processo, ha detto di essere stato tenuto in una cella di punizione per 25 giorni in condizioni disumane.

I difensori dei diritti umani hanno riconosciuto Kulakouski come prigioniere politico. Dzmitry è stato condannato a 2 anni di libertà vigilata in un istituto di riabilitazione sociale, era in libertà in attesa di un appello. Il 20 maggio è stato fermato per una presunta disobbedienza e punito con 15 giorni di arresto amministrativo. L’uomo ha seri problemi di salute, il diabete avanza. Per ottenere attenzione e aiuto, aveva ingoiato un cucchiaio. Il 5 giugno, Kulakouski avrebbe dovuto essere rilasciato, ma il 4 giugno è stato mandato in un istituto di riabilitazione sociale.