2021-06-11
Colonia penale maschile in Bielorussia.

L’ex prigioniero della colonia penale n. 17 di Shklou, in cui è morto il prigioniero politico Vitold Ashurak, ha parlato dell’orrore che sta accadendo lì.

Negli ultimi anni, le percosse ai prigionieri sono diventate all’ordine del giorno. In sostanza, vengono picchiati coloro che finiscono in cella di punizione per violazioni o chi viene trasferito in un regime carcerario.

Ai prigionieri che arrivano in colonia dalla prigione, direttamente al punto di controllo, viene messo in testa un sacco nero, vengono ammanettati e portati al primo piano, dove vengono picchiati dagli ufficiali.

Tutti i prigionieri politici vengono inseriti in un registro preventivo e trattati più duramente degli altri. In particolare, alcuni all’arrivo nella colonia sono costretti a cantare l’inno di Stato e, se si rifiutano di farlo, vengono picchiati.

I condannati hanno diritti solo formalmente, ma all’atto pratico no. Se lo desidera, l’amministrazione della colonia può privare il condannato di tutto: corrispondenza, diritto di appello, incontri con i parenti, incontri con un avvocato e così via, e né l’ufficio del pubblico ministero né il tribunale si schiereranno dalla parte del condannato.