2021-06-07
Confine bielorusso-lituano.

Il flusso di immigrati clandestini alla frontiera della Bielorussia con i Paesi vicini dell’UE, Lituania e Polonia, è notevolmente aumentato.

Per i primi cinque mesi del 2021 più di 270 trasgressori hanno cercato di penetrare in Lituania dal territorio della Bielorussia, che è una cifra tre volte superiore rispetto all’anno precedente. Durante lo stesso periodo, le guardie di frontiera polacche hanno arrestato 112 persone per attraversamento illegale del confine, di cui 92 direttamente sul confine bielorusso-polacco. Questo è quasi 4 volte più delle cifre dell’anno precedente. Tra i detenuti ci sono residenti in Afghanistan, Palestina, Iraq, Tagikistan, Egitto, cittadini russi di nazionalità cecena.

Il Capo del Servizio di Sicurezza del confine di Stato della Lituania, Rustam Lyubaev, ha dichiarato che la situazione al confine lituano-bielorusso rimane difficile e ha rimproverato alle guardie di frontiera bielorusse l’inazione e la mancanza di cooperazione. «È evidente che la situazione sta cambiando a passi da gigante. Tre gruppi di immigrati clandestini sono stati arrestati durante il fine settimana scorso, sono più di 30 persone», ha detto Lyubaev ai giornalisti.

Il 26 maggio Aleksandr Lukashenko ha dichiarato: «Abbiamo fermato droga e migranti – ora ve li mangiate e ve li prendete voi». La Lituania è convinta che l’aumento del flusso di immigrati clandestini sia una conseguenza di questa dichiarazione. La Lituania sta ora affrontando la questione dell’acquisto di nuovi mezzi di protezione e armi per il controllo delle frontiere. Si sta valutando la possibilità di coinvolgere l’esercito.