2022-01-30
Victor Babariko.

L’Organizzazione per i diritti umani Clooney Foundation for Justice ha pubblicato una relazione sul processo del prigioniero politico Victor Babariko, il principale avversario di Lukashenko in vista delle elezioni presidenziali del 2020. I rappresentanti della fondazione hanno annunciato una serie di gravi violazioni legali sulla base dei risultati del monitoraggio del processo dall’aula.

In particolare, a Babariko è stato più volte negato l’accesso a un avvocato. I suoi difensori sono stati sottoposti a sanzioni disciplinari e pressioni. L’atto d’accusa non precisava di quali azioni concrete si esprimessero i reati a lui incriminati. Il principio della presunzione d’innocenza è stato violato in tutte le fasi del processo. Inoltre, il tribunale ha rifiutato di ascoltare diversi testimoni della difesa. Sulla base delle osservazioni, la fondazione per i diritti umani fondata dall’attore George Clooney ha concluso che l’esito del processo era scontato.

Vale a ricordare che Victor Babariko è stato arrestato il 18 giugno 2020, mentre si recava alla CEC per consegnare più di 400.000 firme necessarie per la registrazione come candidato alla presidenza. Più di un anno dopo, la Corte Suprema ha condannato Babariko a 14 anni di reclusione in una colonia penale e ha anche ordinato di recuperare 47,7 milioni di rubli (più di 16 milioni di euro). È stato condannato in base alle accuse economiche: riciclaggio di denaro e corruzione. Si è dichiarato innocente e si è rifiutato di testimoniare. Amnesty International ha riconosciuto Victor Babariko come prigioniero di coscienza.