2022-02-01

L’avvocato di Varsavia Tomasz Wilinski con il supporto dell’Ufficio popolare anticrisi ha avviato una denuncia contro Lukashenka e rappresentanti di diverse forze dell’ordine bielorusse presso la Corte penale internazionale dell’Aia.

L’applicazione contiene 160 pagine di motivazione giuridica e 40.000 pagine di documenti in appendice. L’inchiesta è stata presentata per conto di un gran numero di cittadini della Bielorussia e anche per conto del capo dell’unità anticrisi Pavel Latushko. Nella denuncia lo studio legale di Wilinski chiede al pubblico ministero della Corte penale internazionale dell’Aia di avviare un’indagine. Oltre ad Alexandr Lukashenka, il presidente del KGB Ivan Tertel, il comandante delle truppe interne Nikolai Karpenkov e altri funzionari della sicurezza sono stati nominati sospetti.

Secondo Pavel Latushko, “Anche prima che il verdetto sia emesso, la Corte penale internazionale, dopo aver analizzato i materiali presentati, ha il diritto di emettere un mandato d’arresto e inserire i rappresentanti del regime nella lista dei ricercati dell’Interpol”.

Alla fine di dicembre, Tomasz Wilinski ha inviato alla Procura nazionale della Polonia una dichiarazione simile sul sospetto che Alexandr Lukashenka ha commesso genocidio e crimini contro l’umanità assieme ai suoi complici.