2022-02-28
Рэферэндум у Беларусі.

Il 27 febbraio è stato il principale giorno di voto in Bielorussia in un finto referendum iniziato da Lukashenko. C’era solo una domanda sulla scheda elettorale: “Accetta gli emendamenti e le aggiunte alla Costituzione della Repubblica di Belarus?”. La giornata iniziò abbastanza tranquillamente. Del fatto che non era una semplice domenica ricordavano le macchine speciali delle forze dell’ordine, che i bielorussi hanno visto nelle strade delle città fin dal mattino.

Alle 14.00 hanno cominciato a formarsi code ai seggi elettorali. È così che i bielorussi hanno risposto alla proposta delle forze democratiche della Bielorussia di venire a votare proprio in questo momento per esprimere il loro disaccordo con la partecipazione della Russia alla guerra contro l’Ucraina. La gente gridava “No alla guerra!”, “Gloria all’Ucraina!” e “Zhyve Belarus!”, alcuni portavano bandiere ucraine e bandiere bielorusse bianco-rosso-bianche. Più tardi, alcune persone hanno marciato dai seggi elettorali lungo le strade delle loro città, con le auto di passaggio che li sostenevano con i loro segnali. Una colonna di persone ha marciato fuori dalla stazione della metropolitana ”Vostok” a Minsk, portando la bandiera ucraina e cantando “No alla guerra!”.

Le forze di sicurezza hanno reagito all’attività dei bielorussi. In molte città sono iniziate le detenzioni all’interno dei seggi elettorali, vicino ad essi, così come anche per strada nei confronti della gente che “protestava contro la guerra”, partecipava ad azioni contro la guerra, faceva suonare il clacson dell’auto, fotografava schede elettorali o anche aspettava il proprio turno per votare. A Minsk le forze dell’ordine hanno portato in un furgone della polizia una donna che stava portando a spasso il suo cane. A Grodno diverse persone sono state arrestate, secondo i testimoni, “per aver rifiutato di allontanarsi dal seggio elettorale”.

Verso le 17 a Minsk, un gran numero di manifestanti dell’opposizione si è riunito vicino al Ministero della Difesa. Molti portavano bandiere ucraine e cantavano slogan contro la guerra. Tutte le strade centrali della capitale erano piene di auto che suonavano il clacson. In alcune auto si suonava l’inno ucraino. La protesta è stata interrotta da forze di sicurezza in uniformi nere e olivastre senza insegne, apparentemente facente parte sia di polizia antisommossa che di truppe interne. Hanno circondato la gente e hanno preso tutti tranne i più vecchi.

La gente ha continuato a portare fiori all’ambasciata ucraina, come nei giorni precedenti. L’intero recinto vicino all’ambasciata era coperto di fiori. Ma anche lì sono arrivate le forze dell’ordine per disperdere i manifestanti pacifici.

Secondo il Ministero degli Interni, 800 persone sono state arrestate durante il giorno di voto in Bielorussia. Non si conoscono ancora tutti i nomi dei detenuti.