2021-11-10
Mikalai Dziadok

Riconosciuto prigionieri politici attivista anarchico Mikalai Dziadok è stato condannato a cinque anni di reclusione in un penitenziario di regime ordinario. È stato riconosciuto colpevole ai sensi di tre articoli del Codice Penale della Bielorussia: Art. 342 (Organizzazione di azioni che violano gravemente l’ordine pubblico o partecipazioni a esse), Art. 361 (Incitamento ad azioni volte a minare la sicurezza nazionale della Bielorussia), Art. 295-3 (Azioni illecite in relazione a sostanze infiammabili). Mikalai non ha ammesso la propria colpa e ha raccontato in tribunale di vessazioni e torture subite durante la detenzione.

Mikalai è stato arrestato un anno fa, l’11 novembre 2020. Durante l’arresto, è stato duramente picchiato e gli è stato spruzzato del gas al peperoncino negli occhi. È stato costretto con la forza a essere filmato per un video del Ministero dell’Interno. Dopo l’arresto, è stato portato a Minsk al GUBOPiK [Direzione principale per la lotta alla criminalità organizzata e alla corruzione]. Lì è rimasto sdraiato a faccia in giù per quattro ore. È stato torturato: picchiato con un manganello, colpito sui talloni con un taser e minacciato di stupro. Esigevano che Dziadok fornisca le password e i nomi degli amministratori dei canali Telegram. I pestaggi sono stati confermati da una perizia.

Nella sua ultima parola, Mikalai Dziadok ha detto: «… a tutti coloro che sono coinvolti nell’organizzazione di questo processo, così come nelle altre repressioni politiche nel mio Paese, voglio dire: non fatevi illusioni! Nessun pezzo di carta da voi scritto e nessun terrore possono fermare la liberazione dell’uomo e il progresso. Vinceremo comunque!»