2021-09-25
Partecipanti alla Conferenza dei bielorussi del mondo.

A Vilnius, si è conclusa una conferenza di due giorni dei bielorussi del mondo. Vi hanno partecipato rappresentanti di più di 27 paesi e 40 organizzazioni. L’ufficio di Tikhanovskaya, la Gestione popolare anti-crisi, il Consiglio di coordinamento, i politici e le iniziative delle forze democratiche hanno discusso progetti e coordinamento delle azioni con la diaspora bielorussa.

Nel suo discorso di apertura della conferenza, il leader politico Svetlana Tikhanovskaya ha ringraziato i rappresentanti della diaspora per la loro partecipazione e ha anche notato che coloro che ora rimangono in Bielorussia hanno risorse molto limitate per svolgere qualsiasi attività: «Rispetto ai bielorussi nella nostra patria, noi possiamo agire in modo più aperto. Sono stati i bielorussi all’estero a tenere exit poll e centinaia di azioni di solidarietà. Siete voi a mantenere l’interesse dei media sulla questione bielorussa e siete voi ad aiutare finanziariamente i bielorussi all’interno del paese e alle iniziative. Siete voi a comunicare con i politici. Letteralmente in ogni paese, la leadership sa che esiste una diaspora bielorussa e collabora con voi».

Tikhanovskaya si è detta contenta di incontrare tante persone attive che, dopo il loro lavoro principale, tornano a casa e, come nel secondo turno, continuano il loro lavoro per liberare il Paese: «Sono orgogliosa di aver assistito a un momento storico in cui tutto è cambiato, quando siamo cambiati noi e abbiamo cominciato a sentirci parte di un unico popolo».

Secondo l’Ufficio di Tikhanovskaya, azioni e progetti mirano a tre obiettivi principali per la diaspora:

  • aumentare gli aiuti ai bielorussi all’interno del paese;
  • aumentare la pressione economica sul regime;
  • sostenere la Bielorussia nell’agenda internazionale.

Tra le iniziative discusse ci sono l’assistenza medica e la riabilitazione delle vittime, la raccolta fondi per le famiglie dei prigionieri politici e le iniziative in Bielorussia, l’assistenza ai ricollocatori, il lancio di scuole e media bielorussi, la creazione di centri media, il lavoro su una bozza di Costituzione popolare, pressioni per viaggi senza visto, campagne di pressione economica sul regime, collaborazione politica con i governi di diversi paesi per aiutare la Bielorussia, collaborazione con la stampa internazionale, progetti di aiuto sulla giurisdizione universale, programmi per i figli dei prigionieri politici simili a quelli di Chernobyl.

Franak Vyachorka ha espresso la speranza che la prossima conferenza si tenga a Minsk: «Spero che la dittatura cada nel prossimo futuro. La Bielorussia intraprenderà la strada delle riforme, e potremo convocare una conferenza del genere, solo 20 volte più grande, da qualche parte nel centro di Minsk».

Capo della Gestione popolare anti-crisi Pavel Latushka ha sottolineato che tutti i bielorussi sono uniti nella cosa principale, che la maggioranza dei bielorussi si aspetta e desidera: «Il primo è rilasciare tutti i prigionieri politici e porre fine alle repressioni. Il secondo è assicurare alla giustizia tutti i colpevoli di crimini contro il popolo bielorusso. Il terzo è tenere il prima possibile nuove elezioni presidenziali democratiche in Bielorussia. Per raggiungere questi obiettivi, abbiamo bisogno di strutture e team forti. Da oltre un anno, i bielorussi all’estero sono una delle forze più influenti che stanno conducendo una lotta senza compromessi contro il regime e sono una vera forza per noi».