2021-09-22
Sala dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite.

Si svolge a New York la 76a sessione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite. Uno dei temi sollevati dai leader dei Paesi esteri è stato proprio la Bielorussia.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden disse nel suo discorso che il mondo democratico è vivo nei manifestanti pacifici in Bielorussia: «Il futuro appartiene a coloro che liberano il potenziale dei popoli, e non lo sopprimono. Il futuro apparterrà a chi lascia respirare liberamente il popolo, e non a chi soffoca il suo popolo. I governanti autoritari affermano che il mondo ha chiuso con la democrazia. Ma si sbagliano. La verità è che il mondo democratico è vivo ovunque in attivisti anticorruzione, attivisti per i diritti umani, giornalisti, manifestanti pacifici in Bielorussia, Myanmar, Cuba, Venezuela e altrove».

Il Presidente della Polonia Andrzej Duda ha dichiarato che circa 150mila cittadini bielorussi sono recentemente partiti per la Polonia e hanno invitato la comunità mondiale a una maggiore solidarietà con i bielorussi. «Dico tutto questo come leader di un Paese in cui circa 150.000 bielorussi hanno ricevuto riparo e lavoro, tra cui migliaia di manifestanti. Di recente ho detto ai nostri fratelli bielorussi che sono i benvenuti e che la Polonia sarà la loro casa finché lo riterranno opportuno e necessario. Aderisco fermamente a queste parole», ha detto.

Andrzej Duda ha osservato che dall’agosto dello scorso anno, migliaia di bielorussi, andando a proteste pacifiche, hanno incontrato manganelli, gas lacrimogeni e persino proiettili. Duda ha inoltre informato l’Assemblea Generale delle condanne pronunciate a Maria Kolesnikova e Maksim Znak e ha ricordato i rappresentanti delle minoranze polacche detenuti dalle autorità bielorusse – Anzhelika Borys e Andrzej Poczobut – e centinaia di altri prigionieri politici. «Chiediamo il loro rilascio e una maggiore solidarietà della comunità internazionale con il popolo bielorusso, che vuole solo uno Stato onesto, una democrazia onesta», ha affermato. Duda ha anche accusato le autorità bielorusse di organizzare una crisi migratoria ai confini con l’Europa Unione.

Il presidente lituano Gitanas Nauseda nel suo discorso sollecitato esercitare pressioni sul regime bielorusso. Ha accusato Minsk di un attacco ibrido organizzato sotto forma di una crisi migratoria e ha anche accennato al funzionamento del BelNPP. Nauseda ritiene che le azioni delle autorità bielorusse possano avere un impatto anche sulla sicurezza internazionale. Ha ricordato l’incidente con l’aereo Ryanair, paragonandolo a un atto di terrorismo sponsorizzato dallo stato. «Da diversi mesi la Lituania sta affrontando un attacco ibrido senza precedenti. Creando e dirigendo artificialmente i flussi di immigrazione illegale, la Bielorussia cerca di esercitare pressioni politiche sull’Unione europea», riporta il servizio stampa del presidente lituano. Nausėda ha affermato che la Lituania rifiuta fermamente questo tentativo di seminare discordia e ha invitato le Nazioni Unite ad affrontare la questione.

Il presidente della Lettonia Egils Levits nel suo discorso all’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha invitato tenere nuove elezioni presidenziali libere in Bielorussia alla presenza di osservatori internazionali. «Nell’ultimo anno, la Lettonia ha anche seguito da vicino i drammatici sviluppi nel paese vicino, la Bielorussia, dove i tentativi pubblici di decidere sul futuro del loro paese vengono brutalmente repressi. La Lettonia condanna fermamente le azioni del regime di Lukashenka contro la società civile bielorussa, i media indipendenti e i giornalisti», ha affermato Levits.

Anche il presidente slovacco Zuzana Chaputova ha sollevato la questione bielorussa. «Dobbiamo rendere la democrazia più sostenibile sostenendo coloro che lottano per i diritti fondamentali, compresa la libertà di parola e il diritto di riunione. I cittadini dovrebbero avere il diritto alla libertà di espressione, specialmente in Bielorussia, dove 650 persone sono perseguite in tribunali politici, o nella Crimea occupata, in Venezuela, in Russia», ha affermato Chaputova.