2021-06-04
Raman Pratasevich.

La sera del 3 giugno, il canale televisivo di stato bielorusso ONT ha mostrato un video del blogger dell’opposizione Raman Pratasevich, che era stato arrestato dopo l’atterraggio dell’aereo di Ryanair a Minsk. Il giovane, nel video della durata di 1,5 ore, ha ammesso l’assunzione di colpa nell’organizzazione di azioni di massa non autorizzate in Bielorussia.

«Non ho dubbi: quello che dice Raman è frutto di intimidazioni, frutto di continue violenze psicologiche e fisiche nei suoi confronti. Questo è il risultato del fatto che è stato semplicemente intimidito, minacciato, forse, della vita della fidanzata e della sua», ha detto Dzmitry Pratasevich.

«Quello che ha detto Pratasevich è pura propaganda, alla base della quale non c’è alcuna verità», ha detto il capo del Centro per i diritti umani «Viasna», Ales Bialiatski.

«Pratasevich è stato costretto a confessare sotto tortura», ha detto Franak Viachorka, assistente di Svetlana Tihanovskaya.

Il ministro degli Esteri britannico Dominic Raab ha chiesto di consegnare alla giustizia le persone coinvolte nella registrazione dell’intervista di Raman Pratasevich al canale statale bielorusso e il governo della Repubblica federale di Germania ha condannato la dimostrazione di Raman Pratasevich in TV.

Oggi Svetlana Tihanovskaya, in un incontro con il presidente polacco Andrzej Duda, ha sottolineato l’inammissibilità del commercio di prigionieri politici: «Tutte le persone innocenti devono essere liberate. Non si può contrattare. Abbiamo visto lo stato di Raman: è ostaggio del regime e dobbiamo fare di tutto per liberare Raman e migliaia di persone che si trovano nelle stesse condizioni disumane».