Sette detenzioni in Bielorussia per foto e video di attrezzature militari russe

Nella regione di Gomel sono stati aperti sette procedimenti penali contro coloro che ha trasmesso ai canali Telegram materiali “estremisti” fotografici e video contenenti informazioni sul movimento di attrezzature militari russe in Belarus. Sono state intentate cause penali contro le persone che hanno trasmesso i materiali ai canali Telegram. Sono accusati di “promozione di attività estremiste”. Rischiano fino a sei anni di carcere.

Il Centro per i diritti umani “Viasna” riferisce che Viktor Kulinka, un artista digitale, è stato detenuto. Secondo le dichiarazioni ufficiali, ha inviato una foto di un convoglio di attrezzature militari russe al bot del canale Telegram “Belaruski Hayun”, che è stato dichiarato estremista a marzo. Un video “pentito” di Viktor è apparso sui canali Telegram filo-governativi.

Una madre di 28 anni di un bambino minorenne è stata arrestata a Mozyr per aver inviato un video di elicotteri russi che si muovevano verso una “risorsa distruttiva impegnata”. Questo è molto probabilmente il caso di Anna Pyshnyk, che è stata arrestata per aver inviato il video al canale NEXTA.

Il 5 aprile, Iryna Abdukerina, ex insegnante di Khoyniki, è stata arrestata per aver presumibilmente trasmesso un video di un convoglio di attrezzature militari russe. Su Internet è apparso anche un video “penitenziale” di Iryna. Ora si trova nel centro di detenzione di Homiel.

Il 1° aprile gli agenti del Dipartimento principale per la lotta al crimine organizzato hanno arrestato Aleh Borodzin, un 43enne residente a Homiel. Il motivo della sua detenzione è stato l’invio di un video sul movimento di attrezzature militari russe a un canale telegram estremista. Un video “di pentimento” di Borodin è apparso sui canali Telegram filo-governativi.

Altre tre persone sono coinvolte nei casi penali, una delle quali è minorenne. I loro nomi e la loro posizione sono ancora oggetto di indagine.

Back to top button