2022-03-22
Un bielorusso cerca di alloggiare i rifugiati dall’Ucraina nella villa di famiglia di Putin. Foto: Radio Svoboda

Il bielorusso Sergei Saveliev ha passato 7 anni in una prigione russa. Dopo il suo rilascio ha consegnato ad attivisti per i diritti umani diversi filmati di torture su prigionieri. Secondo Radio Liberty, ora sta cercando di far consegnare la villa Alta Mira in Francia ai rifugiati dell’Ucraina.

La villa si trova nella città turistica francese sud-occidentale di Biarritz. Ha un’area di circa 300 metri quadrati e un giardino di 2.000 metri quadrati intorno. Il costo della villa è stimato in 3,7 milioni di dollari.

La villa appartiene alla figlia di Putin, Ekaterina Tikhonova, e al suo ex marito, l’uomo d’affari Kirill Shamalov, figlio di Nikolai Shamalov, che, secondo Reuters, è un vecchio amico di Putin e si trova nelle liste di sanzioni di UE, USA e Regno Unito.

Sergei ha trascorso 24 ore nella villa ma poi ha dovuto andarsene su richiesta della polizia francese. Sergei e altri due sono stati arrestati ma presto rilasciati senza accuse. Se le autorità francesi approvano il trasferimento della villa in questione ai rifugiati dalla guerra in Ucraina e dalla repressione di Putin e Lukashenko, almeno 20 persone potrebbero essere ospitate lì.