2021-09-27
Natalia Hershe.

Natalia Hersche, prigioniera politica della Svizzera, viene trasferita dalla colonia di Gomel in una prigione. Lo ha segnalato Il fratello di Natalia, Gennady Kasyan. Gennady non conosce le ragioni di questa decisione, ma ritiene che sia «una decisione assolutamente illegale e una tortura sotto forma di condizioni pessime di detenzione. Cioè, ti rinchiudono in una gabbia, vogliono raggiungere il loro obiettivo in questo modo: [per forzare] a scrivere una richiesta di perdono o farti ammettere la tua colpa».

Nelle colonie la gente va al lavoro, alla mensa. Nelle carceri i detenuti sono sempre in cella, la passeggiata si svolge nel cortile.

Natalia Hersche è prigioniera da un anno. È stata arrestata il 19 settembre 2020 dopo una marcia di donne, condannata a due anni e mezzo in una colonia del regime di detenzione generale per aver strappato un passamontagna a un combattente OMON. È stata imprigionata in una cella di punizione e in una stanza tipo cella per essersi rifiutata di cucire un’uniforme per le forze di sicurezza. La prigioniera si è rifiutata di chiedere perdono tre volte, ritenendosi innocente. Ha la cittadinanza della Bielorussia e della Svizzera; l’ambasciatore svizzero l’ha visitata nella colonia di Gomel.